Studenti@PoliTO

Alla European Innovation Academy per trasformare un’idea in startup

3 Maggio 2017

600 partecipanti provenienti da 60 Università di tutto il mondo, oltre 40 speaker e 70 mentor, più di 10 Venture Capitalist per rendere 100 idee innovative pronte ad essere immesse sul mercato in sole 3 settimane: sono i numeri della seconda edizione di EIA – European Innovation Academy, che per il secondo anno si svolgerà a Torino, dal 9 al 28 luglio prossimi.

Si tratta del più grande programma mondiale di “accelerazione” dell’imprenditorialità, per il secondo anno in Italia grazie all’accordo stretto nel 2015 tra l’Academy e il Politecnico, che nel tempo si è arricchito della partnership con l’intero sistema territoriale torinese, dalla Città di Torino all’Università degli Studi, alla Camera di Commercio e Unione Industriale, oltre alla collaborazione di prestigiose aziende multinazionali.

Il programma è stato presentato ieri agli studenti del Politecnico dal Vicerettore per il trasferimento tecnologico Emilio Paolucci e da Kaarel Oja, Country Manager Italia di EIA. L’Ateneo metterà a disposizione 50 borse di studio per partecipare all’Academy (20 destinate a studenti del Progetto Talenti sulle Lauree triennali e 30 per studenti di Laurea magistrale e Dottorato). È possibile anche partecipare al programma come volontari, che avranno la possibilità di partecipare a tutti i corsi, ricevere un attestato di frequenza che può essere inserito nel CV e, in generale, di fare un’esperienza internazionale unica, a contatto con le maggiori expertise in tema di innovazione e startup.

Per tre settimane, in oltre 70 sessioni che si svolgeranno al Lingotto, i partecipanti lavoreranno in team multidisciplinari su un’idea, che può essere proposta da chiunque. Non si sa cosa si otterrà alla fine: un’idea può essere sviluppata, modificata, anche “uccisa” e ricreata dal principio; l’essenziale è arrivare alle presentazioni finali con un progetto di business che funzioni, che potrà essere finanziato dai Venture Capitalist della Silicon Valley.

Più nel dettaglio, la prima settimana sarà dedicata al Team building, sotto la supervisione di UC Berkeley; nel corso della seconda settimana si costruirà la campagna di marketing e sviluppo del prodotto, con l’ideazione del modello di business, sotto la supervisione di Google, partner di EIA. L’ultima settimana, con la supervisione dell’università di Stanford, sarà dedicata al Funding, cioè le strategie per reperire i fondi necessari e il raggiungimento dei primi 1.000 acquirenti; la settimana, e l’intero programma, si concluderà con il Pitching, cioè la presentazione one to one con i Venture Capitalist, e, infine, con la premiazione delle migliori idee sviluppate nel corso del programma.