Awards

Studenti del Politecnico sul podio del Premio Alamo 2018

21 Febbraio 2019

Il contest lanciato dalla Fondazione Alamo per premiare tre valide idee imprenditoriali in grado di valorizzare il recupero del lavoro manuale, la produzione manifatturiera e la fornitura di servizi ha assegnato il terzo posto a un team di studenti del corso di Ingegneria Biomedica del Politecnico.

Ortenzia Veltri, Paolo Pino, Simone Borrelli e Lucrezia Spriano hanno presentato BEL2GO - Wearable Bisensorial Navigation System, un sistema di navigazione indoor pensato per consentire a utenti non vedenti di muoversi in spazi chiusi sconosciuti attraverso l’uso di tatto e udito.

Mentre per ciechi e ipovedenti, grazie anche all’ausilio delle nuove tecnologie, muoversi e orientarsi all’aperto è diventato più facile, risulta ancora molto complessa la deambulazione in spazi indoor non conosciuti.

 Bel2Go nasce con l’obiettivo di abbattere le barriere architettoniche invisibili: l’utente, giunto all’ingresso di una struttura aderente al database Bel2Go (come banche, uffici pubblici, musei), verrà guidato all’interno del luogo visitato attraverso due stimoli sensoriali: una guida vocale, fornita dalla stessa app, e gli impulsi vibratili somministrati dalla cintura smart Bel2Go emessi in corrispondenza delle direzioni da seguire di volta in volta.

La Fondazione Alamo, che oggi ha premiato i team vincitori al Talent Garden di Milano, dal 2000 persegue scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico incoraggiando, sostenendo e realizzando iniziative imprenditoriali di nuova costituzione che mirano a favorire qualunque soggetto o azione che valorizzi i giovani, il lavoro, l’inventiva e la creatività.