In Ateneo

Prepararsi al futuro in onda su Rai Premium

16 Dicembre 2020

Per tre anni la Fondazione Compagnia di San Paolo, insieme alla Fondazione per la Scuola, il Politecnico di Torino e l’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, ha promosso Prepararsi al Futuro, un ciclo di conferenze formative presso l’Aula Magna del Politecnico per studenti universitari e di scuola media superiore.

Complessivamente sono stati organizzati trenta incontri seguiti in presenza da oltre milleduecento ragazzi.

Le conferenze curate da Piero Angela e moderate da Piero Bianucci hanno portato a Torino tra i più grandi esperti di discipline di frontiera – biotecnologia, demografia, climatologia, informazione, intelligenza artificiale, politologia, economia.

Tra i cinquanta relatori che hanno dialogato con i ragazzi delineando le opportunità e le contraddizioni di un futuro possibile figurano,tra gli altri, Romano Prodi, Roberto Cingolani, Luciano Floridi, Tito Boeri, Enrico Letta, Maria Silvana Salvini, Giuseppe De Rita, Sabino Cassese, Anna Ceresole.

Tutte le lezioni, divise per anno, sono disponibili sul sito www.fondazionescuola.it e costituiscono un’importante Library a disposizione delle scuole e degli studenti che le vogliano consultare. Prepararsi al Futuro è nato infatti come un affiancamento alle discipline formative offerte da scuola e università.

Grazie a Rai Gold Prepararsi al futuro diventa ora un ciclo di quattro trasmissioni televisive in onda dal 17 dicembre su Rai Premium (canale 25 del digitale terrestre). Prodotte da Rai per il Sociale le quattro puntate, in onda in seconda serata, affronteranno grandi temi: dal problema demografico allo sviluppo tecnologico passando per il clima.

Piero Angela, nella prima puntata considera: Nel 2050, che sembra così lontano, i giovani di oggi saranno 40/50enni. Nel 2090, che sembra lontanissimo, avranno meno dell'età che ho io oggi. Sarà un secolo pieno di cambiamenti e sinceramente mi spiace di non poter vedere tutto quello che succederà: grandi problemi, certo, ma anche grandi innovazioni e tante opportunità. I giovani saranno la classe dirigente di domani. E io auguro loro di trovare la saggezza per guidare uno sviluppo equilibrato e sostenibile. Per questa ragione è importante essere informati e motivati. In questo senso Prepararsi al Futuro vuole essere un piccolo manuale di sopravvivenza. La conoscenza è infatti il miglior strumento per valutare e decidere”. 

"Questo ciclo di incontri è nato tra i banchi del Politecnico accogliendo ad ogni appuntamento quasi 400 studenti torinesi, tra nostri studenti e ragazzi di alcune classi delle scuole superiori”, commenta il Rettore del Politecnico Guido Saracco: “Ora, grazie alla collaborazione con la Rai questo importante patrimonio di conoscenza può essere fruito da chiunque: un modo estremamente efficace per ampliare la riflessione e il confronto su tematiche fondamentali per la nostra società, ancor più oggi quando abbiamo avuto modo di verificare direttamente quanto la scienza e la tecnologia abbiano un ruolo fondamentale per progettare il nostro futuro".