In Ateneo

Un nuovo standard per la blockchain accelera decarbonizzazione, economia circolare e tracciabilità nel campo dei trasporti

28 Ottobre 2021

Le emissioni di gas serra nel campo dei trasporti rappresentano quasi un terzo delle emissioni globali e si prevede che cresceranno a un ritmo più veloce di qualsiasi altro settore, rappresentando una grande sfida nel passaggio verso un'economia a basse emissioni di carbonio. La blockchain è stata identificata da diverse organizzazioni internazionali – tra cui l’ONU, la Commissione europea e il World Economic Forum - come una delle tecnologie emergenti per ridurre le pratiche ad alta intensità di CO2.

Con lo scopo di concretizzare questi possibili sviluppi della blockchain, l’alleanza MOBI e i suoi membri - tra i quali è presente anche il Politecnico di Torino attraverso il lavoro del Dipartimento di Automatica e Informatica-DAUIN - hanno rilasciato il Trusted Trip Standard per applicazioni “track and trace”. Si tratta di uno standard informatico che facilita la mobilità sostenibile, attraverso il tracciamento delle emissioni di carbonio e il miglioramento della tassazione sull'inquinamento. Lo standard punta a rendere i trasporti più sostenibili, equi e accessibili.

Un “trip” è il viaggio di un'entità itinerante - come una persona, uno smartphone, un veicolo, un pacco o una batteria EV - da un luogo a un altro. È anche l'unità di base delle informazioni per dare un valore alla mobilità in un'economia dei servizi per i consumatori, i fornitori e i proprietari delle infrastrutture. Affinché un trip sia utile e riconosciuto da tutte le parti coinvolte in una transazione, l'identità decentralizzata verificata di un’entità deve essere collegata alla sua posizione nello spazio e nel tempo nel corso di tutto il trip. La blockchain può garantire questo sistema in una rete decentralizzata, permettendo a terze parti nella rete di verificare i “trusted trip” in corso e quelli completati.

L’identità decentralizzata è importante per contrastare le violazioni della privacy e le perdite di dati, in una società sempre più legata all’utilizzo di dispositivi elettronici, app e servizi online. Un sistema di identità decentralizzate basato su un particolare standard può fornire maggiore sicurezza, privacy e controllo sui dati personali e organizzativi.

MOBI Trusted Trip consentirà di implementare la mobilità intelligente e di tracciare in modo più efficace la catena di distribuzione. Lo standard permetterà anche di incentivare e di dare maggiore valore a una moltitudine di applicazioni nell’ambito della mobilità intelligente e a basse emissioni di carbonio, dal controllo dei pedaggi alla tassazione sulle emissioni, dalla manutenzione dei veicoli elettrici a quella delle strade, fino alla verifica delle fonti di energia pulita alla riduzione dei costi di proprietà dei veicoli.

Lo standard MOBI Trusted Trip è stato reso possibile dal contributo di aziende, Università e centri di ricerca in tutto il mondo: Accenture, AWS, BMW Group, Cara7, Car IQ, CEVT, CPChain, Deutscher Auto Dienst GmbH (DAD), Dana, DENSO, Commissione UE, Ford, Global Battery Alliance (GBA), General Motors (GM), Hitachi America, Ltd., IOTA Foundation, IoTeX, ITOCHU, MEF Forum, Nara Institute, NuCypher, Politecnico di Torino, R3, Reply, Swedish Blockchain Association, Toyota Industries Corporation, University of Urbino e USAA.

MOBI- Mobility Open Blockchain Initiative è un'alleanza senza scopo di lucro tra i più grandi produttori di veicoli del mondo, governi, ONG e altri stakeholder nel campo della mobilità. MOBI e i suoi membri creano standard basati sulla tecnologia blockchain con l'obiettivo di rendere il trasporto più efficiente, democratico, conveniente, più verde, più sicuro e meno congestionato.