In Ateneo

Viva la libertà: gli Atenei piemontesi ricordano i valori della Costituzione in occasione della Festa della Repubblica

5 Giugno 2020

In occasione della Festa della Repubblica, martedì 2 giugno scorso, l’Università degli Studi di Torino, insieme a Politecnico di Torino e Università del Piemonte Orientale, ha organizzato una maratona di letture ispirata al concetto di libertà nel cortile del rettorato dell’Università, trasmessa in diretta streaming sui rispettivi portali e sulle pagine Facebook.

Docenti, studenti, personale e autori si sono succeduti nella lettura di testi che esplorano le molte facce di quel valore profondo e assoluto che chiamiamo “libertà”.  Libertà nei versi di Dante, nei drammi di Shakespeare, nell’errare del Cavaliere di Cervantes e nelle riflessioni di Primo Levi, e libertà nelle canzoni di Giorgio Gaber o di Jovanotti: un cammino libero tra letteratura, poesia e musica, che si è concluso con il coro "Va' pensiero" dal Nabucco di Giuseppe Verdi, eseguito da Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino.

Un evento toccante e ricco di significato, che ha unito gli Atenei del Piemonte in un abbraccio ideale alla popolazione piemontese e a tutti coloro che hanno sofferto durante la pandemia, per ripartire insieme con uno sguardo carico di fiducia per il futuro, ricordando i valori che stanno alla base della Costituzione della nostra Repubblica.

Dopo i saluti dei Rettori Stefano Geuna, Guido Saracco e Gian Carlo Avanzi, numerosi ospiti hanno fatto rivivere le parole senza tempo di grandi autori: Marco Rondina, Alessandro Perissinotto, Giulia Carluccio, Paolo Verri, Gabriele Vacis, Patrizia Lombardi, Cristopher Cepernich, Stefania Stecca, Chiara Simonigh, Andrea Malvano, Alessandro Barbero, Juan Carlos De Martin, Bruna Lorenzin, Ilaria Adamo, Giaime Alonge, Angela La Rotella, Clara Allasia, Lodovica Gullino, Paolo Bertinetti, Silvia De Francia, Elena Bravetta, Loredana Segreto. A presentare l’evento Maria Paola Pierini.

maratonavivaliberta_4_rettoreSaracco maratonavivaliberta_25_LaRotella maratonavivaliberta_6_panoramicamentreparlaSaracco maratonavivaliberta_22_DeMartin maratonavivaliberta_36_fotodigruppo_RettoridirigentistudentiConservatorio maratonavivaliberta_15_panoramica maratonavivaliberta_17_concertostudenticonservatorio maratonavivaliberta_23_Adamo maratonavivaliberta_1_rettori_Avanzi_Saracco_Geuna

“La proposta di celebrare la Festa della Repubblica con una cerimonia che vede la comunità accademica piemontese riunita insieme nel cortile dello storico Palazzo del Rettorato dell’Università di Torino” dichiara Giulia Carluccio, Prorettrice dell’Università di Torino “vuole costituire un segnale forte di apertura e ripartenza in un giorno importante per la cittadinanza tutta. L’idea della maratona di letture nasce dall’esigenza di proporre e condividere una riflessione sulla libertà attraverso brani diversi per registro, genere, contesto culturale e storico, in modo da affrontarne differenti sfumature e declinazioni. Il passaggio del testimone tra i lettori e le lettrici conferirà una dimensione polifonica alla cerimonia, nell’intento di rivolgere un saluto corale a tutti e tutte, augurandoci che il pubblico che seguirà la diretta streaming a distanza voglia idealmente unirsi a questa polifonia”.

 
“La Festa della Repubblica è un momento di grande valore simbolico: il 2 Giugno 1946, infatti, il popolo italiano ha scelto una nuova strada per la libertà e la democrazia” dichiara Stefano Geuna, Rettore dell’Università di Torino “Celebrarla è un’occasione importante per rafforzare il senso di appartenenza ad una grande democrazia, attraverso il nutrimento della memoria collettiva e la valorizzazione delle infinite eccellenze culturali che ci rappresentano. Anche questo è il compito di un grande Ateneo che esercita la sua responsabilità sociale nel rapporto fra passato e presente. Preciso compito delle Università è offrire punti di riferimento alla collettività per affrontare il futuro, consapevoli di quello che è stato”.

“I valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ciascuno, che sono il fondamento della nostra società e che ricordiamo nella Festa del 2 Giugno” aggiunge Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino “sono anche i valori fondamentali che un’università deve garantire in primis all’interno della propria comunità accademica, e poi promuovere all’esterno”, commenta il Rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco: “Proprio per questo motivo abbiamo aderito con entusiasmo all’iniziativa cittadina di una celebrazione della Festa della Repubblica online e anche in presenza, perché anche se la cultura in questi mesi non si è mai fermata, con tante iniziative sulla rete promosse anche dal nostro Politecnico, vogliamo anche tornare a vivere insieme i valori e il sentimento comune che ci caratterizza come Repubblica e come istituzioni”.

“Il nostro Paese sta attraversando una delle fasi più delicate della sua storia;” dichiara Gian Carlo Avanzi, Rettore dell’Università del Piemonte Orientale “abbiamo vissuto settimane drammatiche segnate dall’emergenza sanitaria e ora stiamo vivendo una ripresa che si preannuncia difficile da più punti vista: economico, sociale, culturale. La Festa della Repubblica assume perciò un significato più forte: la solidarietà e la cooperazione, valori che sono alla base della nostra Costituzione e della nostra Repubblica, hanno guidato in questi mesi le nostre vite e le nostre azioni, permettendoci di uscire dalla fase più buia dell’emergenza. L’Università, che da sempre è un luogo libero e aperto, di accoglienza e di aggregazione, non si è tirata indietro e oggi, in questa occasione, vuole riaffermare il proprio ruolo di guida per i giovani e di faro per la comunità”.

Tag