Ricerca e innovazione

2018 al PoliTo (3/4, Ricerca e Innovazione)

9 Gennaio 2019

Oggi completiamo la nostra panoramica sulla ricerca nella seconda parte dell’anno 2018, da luglio a dicembre:

Il Politecnico in campo per salvare i monumenti colpiti dal sisma del 2016

Sono numerosi i Dipartimenti del Politecnico che hanno messo in campo risorse e know how per contribuire alla ricostruzione dei monumenti danneggiati dal sisma del 2016 in Centro Italia: scopo degli interventi, soprattutto offrire tempestivamente risultati sperimentali e scientifici utili agli Enti territoriali preposti alle future fasi di progettazione della ricostruzione

Nuovi dispositivi portatili a microonde per la diagnostica per immagini in medicina

Al via il progetto EMERALD - ElectroMagnetic imaging for a novel genERation of medicAL Devices, coordinato dal Politecnico di Torino insieme a 27 partner europei tra università, ospedali e aziende private. L’iniziativa è stata finanziata con 3 milioni e 300 mila euro sul programma UE “Marie Sklodowska Curie actions”

Inaugurato il nuovo centro di ricerca IIT nel “miglio dell’energia”

Dalla sinergia tra Istituto Italiano di Tecnologia, Environment Park e Politecnico di Torino, un nuovo concetto di insediamento ad alto contenuto tecnologico. All’Environment Park troveranno collocazione anche attività del Politecnico legate all’energia e alla sostenibilità ambientale, mettendo a sistema la ricerca verticale di diversi Dipartimenti e quella più orizzontale dei Centri interdipartimentali e collegando questi laboratori alle attività dell’Energy Center

Accumulare energia pulita e rinnovabile: per le aree isolate arriva l’innovazione del progetto REMOTE

Finanziato dall’Unione Europea, ha l’obiettivo di installare 4 sistemi ibridi di accumulo di energia  power to power in altrettante aree isolate di Italia, Grecia e Norvegia legate ad un approvvigionamento energetico sia da microreti – microgrids, sia totalmente staccate dalla rete elettrica

Al via il centro di accoglienza per Pechino 2022 firmato Politecnico

È ormai in dirittura di arrivo il progetto riguardante la conversione degli spazi della Oxygen Factory di Shougang in un centro di accoglienza per il pubblico delle Olimpiadi del 2022 - “The Olympic Experience”- frutto della collaborazione tra Politecnico e Tsinghua University per i XXIV Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022

Dall’Europa all’Australia in tre ore: la nuova sfida europea del volo ad alta velocità nella stratosfera

Riducendo le emissioni, i voli ipersonici sposteranno le persone dieci volte più velocemente rispetto alle tratte attuali grazie al Progetto Stratofly coordinato dal Politecnico di Torino: quello che oggi può sembrare tratto da un film di fantascienza potrebbe già essere testato al di fuori del laboratorio nel 2035 

Il Politecnico curatore della Biennale di Shenzhen

L'Ateneo insieme a Carlo Ratti Associati e South China University of Technology è uno degli autori di una delle due proposte vincenti per la Bi-City Biennale 2019, che esplorerà in modo critico l’impatto dell’Intelligenza Artificiale su comunità e spazio urbano

Riprodurre le sinapsi del cervello grazie a Nanowire memristor

Emulare e capire a fondo il cervello umano sono tra le più importanti sfide per la tecnologia moderna: pubblicata su Nature Communications, la ricerca ha permesso di individuare, grazie alle nanotecnologie, un “nanofilo” capace di riprodurre in sé le funzionalità delle terminazioni neuronali umane

Energia del sole e acqua di mare per dissetarsi

L'innovativa tecnologia per la dissalazione del Politecnico oggetto di un papaer pubblicato dalla prestigiosa rivista Nature Sustainability. Una squadra di ingegneri del Dipartimento Energia del Politecnico ha ideato un nuovo prototipo per dissalare l’acqua di mare in modo sostenibile e a basso costo, utilizzando l’energia del sole in modo più efficiente