Ricerca e innovazione

ESPON METRO: al Castello del Valentino una conferenza sulle prospettive delle aree metropolitane in Europa

21 Giugno 2022

A conclusione del progetto ESPON METRO - The role and future perspectives of Cohesion Policy in the planning of Metropolitan Areas and Cities” , la Città metropolitana di Torino e il Politecnico di Torino hanno organizzato una giornata di presentazione e discussione dei risultati della ricerca, condotta nell’ambito del programma ESPON 2014-2020, che ha mostrato come le politiche attuate nelle aree metropolitane possano contribuire in modo decisivo al raggiungimento degli obiettivi specifici della politica di coesione e come il potenziale di quest’ultima per lo sviluppo metropolitano non sia ad oggi pienamente espresso. Questo anche in ragione di un coinvolgimento e riconoscimento ancora non sufficientemente solido delle aree metropolitane nell’architettura istituzionale della politica di coesione europea.

Lo studio ha visto la partecipazione di nove aree metropolitane europee e altrettanti istituti di ricerca, che hanno analizzato e confrontato il ruolo della politica di coesione nel processo di pianificazione e attuazione delle politiche metropolitane, studiando esperienze e pratiche e sono misurando i rispettivi impatti territoriali.

L’evento si è svolto in modalità ibrida, con possibilità di partecipazione in presenza al Castello del Valentino o da remoto, e ha visto la partecipazione di relatori nazionali e internazionali, accademici e istituzionali, che da diversi punti di vista hanno illustrato e discusso il ruolo delle aree metropolitane italiane ed europee nella politica di coesione UE.

ESPON METRO 1 ESPON METRO 2 ESPON METRO 3 ESPON METRO 4 ESPON METRO 5 ESPON METRO 6 ESPON METRO 7 ESPON METRO 8

La giornata si è articolata in due momenti. Al mattino si è svolto un workshop dal titolo “Le città metropolitane italiane nella politica di coesione europea: evidenze e prospettive organizzato in collaborazione con il Comune di Firenze e l’Università degli Studi di Firenze, per presentare e discutere i risultati del progetto, in particolare relativi ai casi studio delle Città metropolitane di Torino e Firenze, e riflettere sul ruolo delle città metropolitane italiane nella politica di coesione. Attraverso la pratica del peer learning e con il contributo di esperti accademici e rappresentanti delle istituzioni locali, nazionali ed europee, durante il workshop si è riflettuto sul fatto che la politica di coesione sociale, economica e territoriale è la principale politica di investimento dell'Unione Europea. Essa offre vantaggi a tutte le regioni e le città dell'UE e sostiene la crescita economica, la creazione di posti di lavoro, la competitività delle imprese, lo sviluppo sostenibile e la protezione dell'ambiente. Le domande intorno alle quali si sono sviluppati i lavori sono state: quale ruolo hanno e possono avere le città metropolitane italiane nella programmazione e attuazione della politica di coesione? E quale impatto ha la politica di coesione sullo sviluppo territoriale e socioeconomico delle città metropolitane?

Nel pomeriggio si è tenuta la conferenza internazionale intitolata “The role and future perspectives of European metropolitan areas in the EU cohesion policy”, con presentazione e discussione dei risultati del progetto e dei suoi nove casi studio, oltre a riflessioni sul ruolo delle aree metropolitane europee nella politica di coesione. Questo evento ha visto coinvolti rappresentanti istituzionali ed esperti nazionali e internazionali interessati al tema della governance metropolitana, rivolgendosi agli attori coinvolti nella preparazione e nell’attuazione di strategie e politiche per lo sviluppo delle aree metropolitane in Europa e a studiosi e ricercatori interessati a questi temi. Oltre a una panoramica sui risultati del progetto ESPON METRO e sugli esiti dei peer-learning workshop realizzati nell'ambito delle attività di outreach del progetto, la conferenza ha ospitato alcune riflessioni sul ruolo che le città metropolitane possono svolgere nell'ambito della nuova politica di coesione in una prospettiva europea, anche in relazione alle risorse messe a disposizione dal programma Next-Generation Europe. I lavori hanno visto la partecipazione di Péter Takács, rappresentante della Commissione europea, che ha presentato gli obiettivi e la governance del nuovo periodo di programmazione, con particolare attenzione al ruolo che le aree metropolitane europee potranno avere nella Politica di coesione 2021-2027.

I partner del progetto sono: Politecnico di Torino (lead contractor), Barcelona Institute of Regional and Metropolitan Studies (Spagna), Charles University (Repubblica Ceca), Demaziere (Francia), Institute for Development (Polonia), Université Libre de Bruxelles (Belgio), Università di Firenze, University of Latvia (Lettonia), University of Lisbon IGOT (Portogallo).

Gli stakeholder del progetto sono: Città Metropolitana di Torino (lead stakeholder), Barcelona Metropolitan Area (Spagna), Brno City Municipality (Repubblica Ceca), Brussels-Capital Region (Belgio), Lisbon Metropolitan Area (Portogallo), Métropole de Lyon (Francia), Metropolitan Area of Gdańsk-Gdynia-Sopot (Polonia), Città di Firenze, Riga City Council (Lettonia), EUROCITIES (Belgio, observer), METROPOLIS (Francia, observer).

Contatti scientifici: Giancarlo Cotella (giancarlo.cotella@polito.it); Elisabetta Vitale Brovarone (elisabetta.vitale@polito.it)