Ricerca e innovazione

I4C: otto idee per costruire un nuovo mondo tra tecnologia e sostenibilità

9 Luglio 2020

Il Collège des Ingénieurs Italia, il Politecnico di Torino ed il CERN Idea square hanno presentato il Digital Demo Day della quinta edizione di Innovation for Change (I4C), il programma di innovazione che stimola lo sviluppo di idee di business innovative e scalabili che rispondano a problemi sociali, economici ed ambientali. Per l’Ateneo, I4C rientra nelle attività dell’Entrepreneuship and Innovation Centre (EIC) ed è parte dell’offerta formativa di SCUDO, a testimonianza della capacità di Polito di innovare la didattica a tutti i livelli.

I4C coinvolge ogni anno otto partner che hanno il compito di lanciare otto sfide in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, su cui circa cinquanta giovani talenti, fellow MBA del Collège des Ingénieurs Italia e dottorandi del Politecnico di Torino, collaborano per trovare soluzioni pratiche.

Il 3 luglio, durante il Demo Day online, i team multidisciplinari hanno presentato i progetti davanti a esperti, investitori e personalità del mondo della tecnologia e dell'industria, rispondendo alle sfide lanciate dai partner strategici del progetto: Autostrade per l’Italia, CNH Industrial, DSM, Enel X, Iren, Regione Puglia, Scuola Italiana di Ospitalità e UNICRI, l’Istituto internazionale delle Nazioni Unite per la ricerca sul crimine e la giustizia.

Da quest’anno I4C si è avvalso del supporto attivo di Fondazione Enel in qualità di knowledge partner e della Scuola Holden come Story Design partner.

Le otto sfide proposte dai partner coprono ambiti di attività molto diversi, ai quali gli studenti hanno cercato di dare soluzioni innovative. Si va dalla sicurezza per i conducenti, i costruttori e gli operai sulle autostrade, fino a soluzioni per migliorare e rendere disponibile l’offerta turistica pugliese o, sempre nell’ambito dell’accoglienza, per aggiornare le infrastrutture alberghiere italiane, considerando la crescente domanda di spazi igienizzati e puliti dovuti all’emergenza COVID-19. Nel campo dell’energia, sono state proposte sfide volte a sbloccare il potenziale delle comunità energetiche e a supportare gli operatori fintech a fare la loro parte nel cambiamento verso l’economia circolare. Nel settore alimentare, è stato chiesto di trovare una soluzione alla somministrazione preventiva di antibiotici e di migliorare la tracciabilità della catena del valore per garantire una produzione alimentare sostenibile. Ai ragazzi è stata proposta infine una sfida relativa a strumenti e metodi per affrontare la disinformazione sui social media.

“I4C è un’iniziativa di valore per il Politecnico di Torino che, attraverso la collaborazione con  attori di rilievo dell’ecosistema locale dell’innovazione, consente ai nostri studenti di dottorato di sviluppare uno spirito imprenditoriale, una dote sempre più rilevante anche nella carriera accademica, che va oltre le competenze necessarie per creare una nuova impresa e riguarda, più in generale, capacità di innovazione, creatività e spirito di iniziativa, fondamentali per riuscire ad avare impatto nella società attraverso la propria ricerca scientifica”, commenta la professoressa Alessandra Colombelli, responsabile dell’Entrepreneuship and Innovation Centre (EIC) del Politecnico, di cui è parte anche il professor Emilio Paolucci, che conclude:”I4C  complementa molto bene i contenuti del corso di dottorato “Entrepreneurship and Start-Up Creation from University Research“ al fine di dare ai dottorandi maggiori capacità di comprensione dell’impatto della ricerca. EIC sta svolgendo ricerche che possono migliorare la comprensione degli effetti di tali nuove modalità didattiche”.