Studenti@PoliTO

I premi in memoria di Stefano Rigatelli alle tesi per la bonifica di acque e di siti contaminati

29 Ottobre 2020

Anche quest’anno la Regione Piemonte e il Politecnico, rappresentato dal DIATI - il dipartimento che  più di altri si occupa delle tematiche relative alla bonifica di siti inquinanti, al risanamento ambientale e all’amianto e che dal 2018 ha rafforzato le proprie attività di didattica e di ricerca sul tema dell’adattamento e della mitigazione dei cambiamenti climatici grazie al progetto finanziato dal MUR cambiamenti_climatici@polito - hanno collaborato per mettere a concorso alcuni premi di laurea e di dottorato in memoria di Stefano Rigatelli, Direttore regionale all’Ambiente, Governo e tutela del territorio scomparso prematuramente nel  2016,  laureatosi nel 1991 presso il Politecnico in Ingegneria Mineraria.

Per il Politecnico hanno fatto parte della commissione giudicatrice i professori Fulvio Boano e Barbara Ruffino, che hanno premiato le tesi di laurea di Natalia Ferrantello dal titolo “Modellazione 3D del trasporto di particelle colloidali per la nanoremediation di acquiferi contaminati” con la seguente motivazione: “la tesi è stata caratterizzata da una estesa attività di modellazione numerica e un evidente contributo personale della candidata” e quella di Elia Vasini, svolta presso l’Università di Madrid, dal titolo “Variabilità della “Radon deficit technique” in un sito contaminato da DNAPL” per “l’attento lavoro di interpretazione di dati di campo con modelli statistici che ha portato  un’analisi spazio-temporale”.

La tesi che ha vinto il premio riservato ai dottorati è stata quella di Carlo Bianco su Modeling of the injection and long term fate of nanoparticles in groundwater systems”, ritenuta dalla commissione “una tesi dall’elevato grado di innovazione scientifica”.

Tag