Awards

Una tesi di Dottorato PoliTO vince il premio “Enzo Belardinelli” dell’Università di Bologna

8 Ottobre 2021

Marco Campisi, ingegnere biomedico, già dottorando presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale – DIMEAS del Politecnico, si è aggiudicato il premio di dottorato “Enzo Belardinelli”, assegnato dall’Università di Bologna nell’area scientifica “Physiological systems and modeling” per la sua tesi di dottorato dal titolo “Engineered Microphysiological systems of multicellular-vascular interactions: modeling nanoparticle transport and drug efficacy using microfluidic technology ” a cui ha lavorato come dottorando di ricerca sotto la supervisione della professoressa Valeria Chiono e della professoressa Clara Mattu presso il Centro interdipartimentale PolitoBIOMed Lab e il DIMEAS, in collaborazione con il laboratorio del professor Roger Kamm al Massachusetts Institute of Technology (MIT) e il laboratorio del professor David Barbie presso il Dana-Farber Cancer Institute, Harvard Medical School, all’interno del corso di Dottorato Interateneo di Bioingegneria e Scienze Medico-Chirurgiche organizzato da Politecnico e Università degli Studi di Torino.

La ricerca è stata svolta all’interno del progetto BIOMODE, finanziato dalla Compagnia di San Paolo - “Call for proposals Joint research projects with top universities”. La tesi di dottorato di Campisi rappresenta un avanzamento significativo nello stato dell’arte per lo sviluppo di sistemi microfisiologici innovativi realizzati con tecnologie microfluidiche in grado di ricreare in vitro le interazioni tra vasi sanguigni e cellule/tessuti umani, evidenziandone il ruolo nei meccanismi di resistenza tumorale e nel trasporto dei farmaci mediato da nanoparticelle. La progettazione di modelli utilizzando cellule derivate dal paziente, apre nuovi scenari per la ricerca preclinicapersonalizzata su paziente eper applicazioni di medicina di precisione e supporta il cambiamento di paradigma nelle indagini precliniche verso l’utilizzo di modelli tissutali in vitro ("principio 3R": sostituzione, riduzione e perfezionamento).

Marco Campisi è stato anche selezionato dalla Fondazione Franco e Marilisa Caligara per l’alta formazione interdisciplinare per una borsa di studio per un programma di ricerca post-dottorato all’estero che sta svolgendo in collaborazione con il Boston Children's Hospital (Chiarle lab). Attualmente è Research Fellow presso il Dana-Farber Cancer Institute, Harvard Medical School, e sta lavorando allo sviluppo di una nuova generazione di terapie cellulari per applicazioni di immuno-oncologia.

Il premio è stato rilasciato in occasione della XL Scuola Annuale del Gruppo Nazionale di Bioingegneria che si è tenuta dal 13 al 16 settembre 2021. Il Gruppo Nazionale di Bioingegneria (GNB) è un’associazione scientifico-culturale con finalità divulgative e sociali intese alla promozione, al patrocinio e al coordinamento di studi e dibattiti nell’ambito della bioingegneria e quest’anno ha festeggiato i 40 anni dalla sua fondazione. Ogni anno il GNB premia le migliori tesi di Laurea e di Dottorato sulla base dell’innovazione introdotta in ambito bioingegneristico. Quest’anno il premio GNB ha visto la partecipazione di 108 candidati per i premi di laurea e 42 candidati per i premi di Dottorato. Il Politecnico ha ottenuto ottimi risultati, ricevendo quattro premi per miglior tesi di dottorato e un premio per miglior tesi di laurea.